COSA FARE A MONTASOLA E IN BASSA SABINA

 IL CAMMINO DI FRANCESCO

Il Cammino è un percorso legato alla sensibilità spirituale di chi lo inizia, ma anche un modo, per i più sportivi, di immergersi in un paesaggio incontaminato, sulle tracce del Santo, praticando anche uno sport: bici e cavallo in questo caso, o anche semplicemente marciando a piedi.

Nel 2003 quando è stato inaugurato, il Cammino di Francesco era localizzato solo nel territorio della Valle Santa reatina, in un’area di 80 chilometri. Oggi è stato ampliato a una dimensione interregionale che va da Assisi a Roma o viceversa, attraverso dieci tappe, per rivivere idealmente il cammino umano e spirituale del Santo. Sono quattro i santuari che fanno parte dell’itinerario originale, idealmente disposti alle quattro estremità di una croce mistica: Fontecolombo, Greccio, Poggio Bustone, La Foresta.Per iniziare il Cammino, il pellegrino deve ritirare uno speciale “passaporto” presso il santuario di partenza, da far timbrare nelle varie tappe del percorso complessivo. Al termine del viaggio potrà essere richiesto all’Ufficio del Cammino di Francesco l’attestato del pellegrino, che certifica il raggiungimento dell’obiettivo finale, cioè gli ottanta chilometri (del giro limitato ai quattro santuari) percorsi in cinque giorni con le soste per il pranzo. Lungo il cammino si trovano – oltre ai santuari da raggiungere – i maneggi dove affittare un cavallo e i noleggi di mountain bike per seguire i sentieri più adatti a queste pratiche sportive e le strutture ricettive dove fermarsi per la notte. I santuari, per chi ha problemi fisici o relativi all’età, possono essere raggiunti in automobile o anche con i pullman. Fonte : il Cammino di Francesco

IL CAMMINO DEI PROTOMARTIRI FRANCESCANI

Il tracciato del Cammino dei Protomartiri Francescani si snoda all’interno del territorio diocesano di Terni-Narni-Amelia, parte da Terni attraversa Stroncone, Aguzzo, Calvi dell’Umbria, Narni e San Gemini, le città che diedero i natali a Berardo, Adiuto, Accursio, Pietro e Ottone protomartiri e si conclude al Santuario Antoniano dei Protomartiri Francescani a Terni, seguendo i luoghi ove San Francesco svolse la sua opera di predicazione lasciando un segno indelebile, senza dimenticare alcune tra le più importanti abbazie benedettine che ebbero una notevole importanza per la evangelizzazione di queste terre. Il percorso è ideato in 6 tappe consigliate ma allo stesso tempo verranno predisposte tappe intermedie affinché possa essere modulato a piacimento dal pellegrino.  fonte http://www.camminoprotomartiri.it

#casagreppi

www.carlogreppi.it

Precedente COSA FARE A MONTASOLA E IN BASSA SABINA Successivo COSA VEDERE A MONTASOLA E IN BASSA SABINA